Sancerre: il Sauvignon francese che riserva sorprese inaspettate

Le uve Sauvignon Blanc sono fra le più note al mondo, quasi un sinonimo di vino francese. La loro origine di qualità è la splendida Valle della Loira in Francia, dove splendidi castelli si alternano a coltivazioni vitivinicole di prestigio mondiale.

Il Sancerre nasce fra i castelli della Loira

Sauvignon Blanc e Sancerre

Siete mai stati nella valle della Loira? In questa regione considerata Patrimonio dell’Umanità Unesco, castelli seicenteschi mozzafiato si alternano a coltivazioni vitivinicole di prestigio assoluto. Fra queste, fa sfoggio della sua qualità superiore la denominazione di origine controllata, o meglio detto Appellation d'origine contrôlée (AOC) Sancerre, famosa soprattutto per la regina delle uve da vino: il Sauvignon Blanc. In tutto il mondo (la produzione è destinata all’esportazione per circa il 57%), questa tipologia di vino rappresenta quasi un sinonimo del bianco francese, inconfondibile per il suo aroma fruttato, per il carattere denso e corposo, e perché si accompagna alla perfezione con quasi ogni cucina di origine mediterranea: che sia di carne, di pesce o vegetariana. La denominazione Sancerre è la più amata e premiata di Sauvignon Blanc nel mondo. La differenza è che se in tutto il mondo e nel resto di Francia Sauvignon Blanc evoca suggestivi paesaggi lontani, qui stiamo parlando del vino di casa, profondamente legato alla terra e alle sue radici.

Caratteristiche del Sancerre

Bianco e rosso, immediato o più lento: il Sancerre soddisfa tutti i gusti

Vino di casa non significa vino prevedibile. Nonostante il Sauvignon Blanc Sancerre sia fra i più nominati e amati al mondo, pochi ne conoscono le numerose sfaccettature dovute alla varietà di terroir in cui viene coltivato. Da quello più calcareo, che dona al vino caratteristiche uniche e più immediate di eleganza e raffinatezza, a quello prevalentemente di mairne, una composizione di calcare e argilla che crea una struttura più complessa e minerale, fino al terroir più siliceo, dal quale nasce un vino meno immediato, a maturazione più lunga e complessa. Tutta una sfida per gli appassionati! E la produzione di Sancerre non si limita al bianco, ma regala anche un Pinot Noir che con il passare del tempo si sta guadagnando una reputazione sempre migliore.